Nell’immaginario collettivo Snapchat è sinonimo di contenuti frivoli, divertenti e che spariscono dopo 24 ore. All’inizio della sua storia era sicuramente vero, ma in casa Snap hanno deciso di cambiare musica!

La prima strategia di Evan Spiegel e soci è già delineata e operativa: dare il via alla produzione di contenuti originali e fruibili in esclusiva su Snapchat.

Snapchat Planet EarthSono infatti recenti le notizie degli accordi tra Snapchat e due big tra le media company: con BBC, per lo  documentario sbarco sul social del popolare Planet Hearth II, e con A+E Network, per  lo sviluppo di Second Chance, la prima serie drama senza sceneggiatura.

Second Chance, ad esempio, andrà “in onda” per otto settimane negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada e in Australia, e da A+E lasciano supporre che non sarà l’unico show prodotto per Snapchat.

 

Perché produrre contenuti originali?

La produzione di contenuti originali per i suoi utenti aiuterà sicuramente Snapchat a migliorare le sue performance in metriche fondamentali come il tasso di engagement e il tempo di utilizzo dell’app.

Non è certo una strategia nuova, d’altronde. Netflix è solo l’ultimo esempio di media company che ha compreso l’importanza dei contenuti premium ed esclusivi per mantenere viva e coinvolta la propria community di utenti.

Gli accordi con BBC e A+E segnano un punto fondamentale per Snapchat nell’eterna lotta per l’attenzione degli utenti: da oggi la partita dei social network si gioca sulla produzione di contenuti originali, la prossima mossa spetta adesso ad Instagram, Facebook, Youtube e Twitter.